Tanta paura ieri pomeriggio a Minturno, paese in provincia di Latina, dove poco prima dell'ora di pranzo i cittadini hanno avvertito un boato provenire dal centro storico. La scena davanti ai loro occhi era terrificante: un appartamento intero era avvolto dalle fiamme, con la porta e le mura in frantumi a causa di un'esplosione di una bombola del gas. All'interno dell'abitazione c'era un uomo di 44 anni, estratto dalle macerie dai vigili del fuoco che sono giunti sul posto in pochi istanti. Il 44enne è stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso più vicino, dove il personale sanitario ha dovuto fronteggiare una situazione complicata. Per questo motivo l'uomo è stato poi trasportato in eliambulanza al Sant'Eugenio di Roma presso il reparto specializzato per le ustioni, dove attualmente è ricoverato in prognosi riservata. Le sue condizioni sembrerebbero gravi, con l'esplosione che l'avrebbe investito del tutto. Le forze dell'ordine stanno effettuando i primi rilievi scientifici per accertare le cause dell'esplosione, con gli agenti che non escludono l'ipotesi del tentato suicidio, oltre che al caso fortuito. Alcuni appartamenti confinanti sono stati dichiarati inagibili.

Un'altra esplosione in una casa dopo quella alla Massimina

La forte esplosione ha spaventato i cittadini, con alcuni testimoni che hanno prontamente allertato le forze dell'ordine e i vigili del fuoco per domare l'incendio e per evitare che le fiamme si propagassero verso le altre abitazioni. Lo stesso rischio si è corso qualche giorno fa a Roma, precisamente alla Massimina, dove un appartamento è letteralmente andato a fuoco, con una nube di fumo nero che si intravedeva a chilometri di distanza. A seguito dell'esplosione un uomo di 83 anni ha perso la vita, anche in questo caso probabilmente a causa della deflagrazione di una bombola del gas all'interno della casa.