Il gradino sprofondato alla stazione della Metro A Furio Camillo
in foto: Il gradino sprofondato alla stazione della Metro A Furio Camillo

Alla stazione Furio Camillo della metropolitana di Roma, linea A funzionano tre scale mobili su quattro, dopo il crollo di un gradino la sera di domenica scorsa 9 febbraio, che è letteralmente sprofondato all'interno dell'impianto. Ragion per la quale, come riporta La Repubblica, Atac corre ai ripari, facendo scattare delle contromisure. Possono transitare 450 passeggeri alla volta, fino a quando l'impianto non tornerà in funzione a pieno regime. Il provvedimento è stato preso per motivi di sicurezza, mentre i tecnici sono al lavoro per rimettere in funzione la scala mancante all'appello, come spiega l'azienda che gestisce il trasporto pubblico capitolino "messa subito fuori servizio".

Furio Camillo: 450 passeggeri alla volta

Nel dettaglio il transito dei 450 passeggeri alla volta all'interno della stazione Furio Camillo sarà regolato con la chiusura dei tornelli d'accesso, fino al passaggio dei convogli e allo svuotamento della banchina. L'apertura e la chiusura temporanea della stazione saranno comunicati attraverso dei messaggi vocali, che comunicheranno ai viaggiatori la situazione in tempo reale.

 Atac: "Impianti guasti diminuiti del 62% fra novembre e gennaio"

L'azienda che gestisce il servizio di trasporto pubblico della Capitale ha spiegato: "Atac è impegnata nel garantire un livello sempre maggiore di manutenzione degli impianti (scale mobili, ascensori e servoscala) delle stazioni metroferroviarie, come dimostrano anche i dati sui guasti, che sono diminuiti del 62% fra novembre 2019 e febbraio del 2020. In particolare, ai primi di novembre 2019 erano fuori servizio per guasto complessivamente 61 impianti, che sono diventati 23 il 6 febbraio scorso. Da quando Atac ha sostituito il fornitore dei servizi di manutenzione, la cui gestione aveva determinato le note e gravi problematiche, sono diminuite del 20% le segnalazioni di guasti e 110 impianti sono stati sottoposti con esito positivo a revisione generale o speciale. Sono attualmente in corso revisioni su ulteriori 47 impianti in diverse stazioni, così come previsto dalle norme di legge".