Matteo Salvini, Manuel Bortuzzo
in foto: Matteo Salvini, Manuel Bortuzzo

Il ministro degli Interni Matteo Salvini ha visitato Manuel Bortuzzo, il nuotatore 19enne ricoverato all'ospedale San Camillo di Roma. Non si conoscono ulteriori dettagli dell'incontro, che è rimasto strettamente privato.

Nella giornata di ieri hanno visitato il ragazzo, rimasto paralizzato dopo essere stato colpito da un proiettile di pistola sparato la scorsa domenica notte all'Axa, quartiere di Roma Sud, anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. "Il ragazzo è tosto, deve reagire. Domani andrò a visitare la sua famiglia in Veneto. Su Ostia non molliamo, vedrete", avrebbe dichiarato il ministro Salvini al Messaggero dopo la visita a Manuel.

Ieri, dopo la confessione dei due responsabili della sparatoria, Salvini aveva dichiarato: "Ringrazio le forze dell'ordine, i due delinquenti si sono presentati in Questura perché sapevano che sarebbero stati beccati da lì a poco, e non perché si siano pentiti della loro follia. Un abbraccio a Manuel, alla sua famiglia a cui staremo vicini in ogni maniera, ai medici. La speranza è l'ultima a morire".

Manuel a Salvini: "Con le gambe mi attrezzo e vengo a prenderti"

Il padre di Manuel, Franco, ha raccontato alla stampa che il ministro dell'Interno Matteo Salvini è andato a trovare Manuel all'ospedale San Camillo di Roma. Il ragazzo a una domanda del vicepremier avrebbe risposto: "Stai tranquillo che ora con le gambe mi attrezzo e vengo a prenderti…'". Poi ha aggiunto: "Manuel è certo di riprendere presto le forze".

Cirinnà (Pd): "Salvini sciacallo"

"Lo sciacallo Salvini si reca a visitare Manuel, il povero ragazzo che rimarrà paralizzato perché qualcuno gli ha sparato senza alcun motivo. Si tratta di una scelta di pessimo gusto e di scarsa sensibilità da parte di chi dovrebbe essere il tutore della sicurezza degli italiani e che è promotore della libera diffusione delle armi. Non una parola è stata spesa da Salvini, da quando siede al Viminale, contro i clan e la criminalità che imperversano nelle nostre città e, in particolare, nel Mezzogiorno e nell'area metropolitana romana. Il ministro dell'Interno che non sa garantire la sicurezza dei cittadini, almeno eviti di fare pelosa propaganda pensando così di far passare in secondo piano le gravi responsabilità internazionali del governo, non ultimo il profondo conflitto aperto con la Francia", ha dichiarato la senatrice del Partito democratico Monica Cirinnà.

Il gip: "Marinelli e Bazzano hanno sparato per uccidere"

Secondo il gip Costantino De Robbio i due indagati per il ferimento del 19enne, Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, hanno "esploso con evidente intento di ucciderla e non di ferirla". Il giudice parla di "assoluta pericolosità dei due indagati che, dopo aver programmato un omicidio non riuscito per cause indipendenti dalla loro volontà, hanno poi ideato un piano tendente a garantire almeno parzialmente la loro impunità dimostrando la proclività al delitto e l'assoluta mancanza di resipiscenza".