Matteo Salvini
in foto: Matteo Salvini

Per Matteo Salvini prima cittadina di Roma, Virginia Raggi, "non è più adeguata a fare il sindaco". Questo, sostiene il leader della Lega, "non per le eventuali irregolarità, perché non faccio il pm e non faccio il giudice". Si riferisce all'esposto presentato dall'ex presidente di Ama, Lorenzo Bagnacani, che accusa Raggi di aver esercitato pressioni indebite per modificare il bilancio della municipalizzata che a Roma gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. "Ma se un sindaco, in questo caso della città più importante d'Italia, dice ‘i romani vedono la merda' e ‘ho la città fuori controllo' è un giudizio politico. Vuol dire che non sei in grado di fare il sindaco, lascia che qualcun altro lo faccia", le parole del ministro dell'Interno nel corso della registrazione della puntata di Porta a Porta in onda questa sera. Negli audio delle conversazioni tra Raggi e Bagnacani pubblicati sull'Espresso si sente la sindaca dire: "Se i romani si affacciano e vedono la Merda in città, in alcune zone purtroppo è così, in altre zone è pulito e tenuto bene, in altre zone non c'è modo, non c'è modo. Allora quando ai romani gli dico, sì la città è sporca però vi aumento la Tari, ma io scateno, cioè metto la città a ferro e fuoco, altro che i gilet gialli".

Ieri il vertice leghista per il futuro di Roma

Ieri Salvini ha riunito i vertici della Lega di Roma e del Lazio per un incontro in cui si è parlato del futuro della Capitale. Nei prossimi giorni, come ha confermato l'unico consigliere capitolino del Carroccio, Maurizio Politi, verrà presentato "un programma di governo" per Roma. La prima proposta leghista è quella di costruire un termovalorizzatore per risolvere l'emergenza rifiuti in cui versa la città.