Paola Taverna e Matteo Renzi
in foto: Paola Taverna e Matteo Renzi

"Ieri è arrivata la notizia che la madre di Paola Taverna deve lasciare la casa popolare a Roma perché non ha diritto. Ci sta che se tua figlia è una parlamentare e se la famiglia ha altre case tu non abbia diritto. Per me è legalità, per Taverna é accanimento". Nel corso di una diretta Facebook, il senatore del Partito democratico Matteo Renzi commenta così la decisione presa ieri dai giudici della sesta sezione del tribunale civile di Roma.

La signora Graziella Bartolucci, 80 anni, madre della vice presidente del Senato non ha diritto ad abitare in un appartamento popolare del quartiere Alessandrino di Roma e dovrà quindi riconsegnare la casa. "Da Parlamentare del Movimento 5 Stelle, dopo aver restituito più di 200.000 euro, sono così pulita che non trovano nulla su cui attaccarmi se non sui miei affetti. Querelerò tutti coloro che hanno già diffuso o diffonderanno notizie false e diffamatorie su mia madre", ha commentato la senatrice grillina. "La Taverna ha annunciato querela nei confronti di tutti, io propongo un patto ai 5 Stelle, visto che nell'ultimo periodo li vedo un po' nervosi: se voi smettete di dire bugie su di noi, noi smettiamo di dire la verità su di voi", ha detto Renzi nel corso della sua diretta Facebook. La madre di Taverna avrebbe comunque inviato una lettera ad Ater dando la disponibilità a consegnare le chiavi dell'appartamento. "L'accanimento contro una donna di 82 anni fa schifo… risponderò a tempo debito", ha dichiarato ieri all'AdnKronos l'esponente del Movimento 5 Stelle. A ottobre scorso aveva detto: "Credo che mia madre stia agendo bene e credo che mia madre a 80 anni abbia tutto il diritto di desiderare di morire nella stessa casa nella quale è vissuta".