3.159 CONDIVISIONI
Ferimento Manuel Bortuzzo
13 Marzo 2019
13:34

Manuel Bortuzzo incontra la stampa: “Come mi vedo tra 10 anni? In piedi”

Manuel Bortuzzo ha incontrato la stampa oggi al Polo Natatorio di Ostia. Ad accompagnare la giovane promessa del nuoto di fronte a giornalisti e telecamere i dirigenti della Federazione e i genitori. Il 19enne, rimasto paralizzato da un proiettile esploso per errore nei suoi confronti poco più di un mese fa, ha raccontato i suoi sogni e le sue speranze.
A cura di Redazione Roma
3.159 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ferimento Manuel Bortuzzo

Nella sede del Polo Natatorio di Ostia della Federazione Italiana di Nuoto, Manuel Bortuzzo ha incontrato la stampa. Ad accompagnarlo davanti a telecamere e giornalisti i genitori e i dirigenti della Fin. Promessa del nuoto italiano, 19 anni e il sogno spezzato di partecipare alle prossime olimpiadi, Manuel si è presentato indossando la tuta della nazionale e su di una sedia a rotelle. "Tornando in piscina mi è sembrato che tutto fosse tornato normale", ha dichiarato Manuel, colpito poco più di un mese da un proiettile che si è fermato sulla spina dorsale provocandogli una lesione del midollo spinale che ha comportato una paralisi dalla vita in giù che i medici giudicano permanente. Qualche giorno fa un video, commuovente, mostrava Manuel tornare in piscina ma questa volta non per battere un record ma per la riabilitazione: una nuova sfida che anche oggi ha confermato non voler mollare. Con la speranza di tornare a camminare: "Come mi vedo tra 10 anni? In piedi".

Manuel Bortuzzo: "Io un esempio? Sono solo me stesso"

"Mi scrivono che sono un esempio, non lo sento un peso: sono solo me stesso e se sono un esempio essendo me stesso, ben venga", spiega Manuel che dai giorni successivi al ferimento non ha mai smesso di stupire per la sua presenza di spirito e per l'ottimismo con cui sta affrontando quello che gli è capitato senza un motivo. E Manuel si rivolge poi ai suoi coetanei: "A loro vorrei dire di non tirarsi mai indietro, i problemi che credono di avere loro non sono quelli grossi, ce n'è di strada da fareNon sto a piangermi addosso, voglio tornare in sesto subito".

"Ho sentito Bebe Vio, lei è una forza della natura"

"Ho sentito Bebe Vio e ci siamo caricati a vicenda. Lei è una forza della natura, trasmette positività ed energia e sicuramente pure da parte mia non le è mancata", ha spiegato Manuel, confermando come la campionessa paralimpica di scherma non ha fatto mancare, con discrezione, non gli ha fatto mancare il suo supporto.

Manuel guarda avanti:"Non penso a chi mi ha fatto questo"

Guarda avanti Manuel, alla vita che lo aspetta e alla sfide che ha di fronte, a cominciare dalla riabilitazione. Così risponde a chi gli chiede se ha qualcosa da dire a Daniel Bazzano e a Lorenzo Marinelli, i due ragazzi di Acilia poco più grandi di lui che hanno sparato verso di lui in cerca di vendetta: "Non ho mai pensato a cosa dire a Daniel Bazzano e Lorenzo Marinelli. Ma non gli direi nulla, è così che doveva andare. Non saprei nemmeno cosa dirgli. E anche da loro non mi aspetto nulla, stanno in carcere e stanno bene dove sono. Se ero lì in quel momento c'era un motivo. Se mi dovessi mettere a pensare ‘E se non avessi attraversato la strada, e se fossi andato da un'altra parte…', facevo prima a non nascere e tanti saluti".

3.159 CONDIVISIONI
98 contenuti su questa storia
Manuel Bortuzzo diventa cittadino onorario di Roma Capitale
Manuel Bortuzzo diventa cittadino onorario di Roma Capitale
Processo Manuel Bortuzzo, pena ridotta in Appello per i due imputati: condannati a 14 anni e 8 mesi
Processo Manuel Bortuzzo, pena ridotta in Appello per i due imputati: condannati a 14 anni e 8 mesi
Chiesti 16 anni di carcere per i due ragazzi che hanno ferito Manuel Bortuzzo
Chiesti 16 anni di carcere per i due ragazzi che hanno ferito Manuel Bortuzzo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni