54.935 CONDIVISIONI
Covid 19
5 Maggio 2020
8:44

Latina, centinaia in coda per il McDonald’s: strade bloccate per ore, traffico impazzito

C’è chi ha deciso di festeggiare la Fase 2 andando a fare una bella corsetta rigenerante nei parchi e chi invece ha deciso di prendere un panino da asporto al McDonald’s. Data la fila di macchine che ieri si è generata in vari McDrive nel Lazio, sembra che in parecchi abbiano preferito il cibo allo sport.
A cura di Natascia Grbic
54.935 CONDIVISIONI
Foto dalla pagina Facebook Via Pontina S.R.148
Foto dalla pagina Facebook Via Pontina S.R.148
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una lunga fila di macchine ferme in mezzo alla strada, autobus bloccati e impossibilitati a terminare le corse, conducenti in coda per ore. Non per un incidente e nemmeno per problemi legati alla viabilità nel primo giorno della Fase 2, ma per una cosa ben più semplice: il Bic Mac. Eh sì, ieri sera verso le 19 centinaia di persone hanno deciso di festeggiare l'allentamento delle misure per la pandemia da coronavirus andando a mangiare il famoso panino. Non solo McDonald's: in direzione Roma, all'altezza dell'area di servizio di Campoverde, c'è chi è stato ore in fila per il Burger King. La situazione più critica si è registrata a Latina, con code in via Isonzo, via Romagnoli e via Mascagni. Uno spettacolo da non credere, che ha suscitato qualche protesta e soprattutto l'intervento dei carabinieri e della Polizia Locale per controllare che tutto andasse per il meglio e non si verificassero assembramenti o incidenti.

Inizia la Fase 2 dell'emergenza coronavirus

In tutta Italia è stata inaugurata ieri la Fase 2 dell'emergenza coronavirus: con l'apertura dei parchi a Roma e nel Lazio, migliaia di persone si sono riversate nelle strade e nei prati. Al momento la situazione sembra essere sotto controllo: le distanze di sicurezza sono state mantenute, la maggior parte avevano guanti e mascherina, e anche i mezzi pubblici non sono stati super affollati (anche per il fatto che lo smart working è ancora ampiamente utilizzato). Sempre da lunedì 4 maggio i locali e ristoranti hanno avuto l'autorizzazione a vendere cibo da asporto: non più solo consegna a domicilio, ma anche take away. Seguendo ovviamente regole molto rigide per evitare assembramenti e ritirare il cibo in sicurezza.

54.935 CONDIVISIONI
29724 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni