È Raffaele Apreda il motociclista quatrantenne morto dopo aver perso il controllo del suo scooter in via San Gregorio al Colosseo la notte tra sabato a domenica. L'ennesima tragedia sulla strada, questa volta avvenuta nel centro storico della Capitale. Raffaele era originario di Sorrento e si era trasferito a Roma, dove faceva il cuoco in un ristorante, con un sogno nel cassetto: diventare uno chef stellato. Appresa la notizia della sua improvvisa scomparsa, la comunità campana e gli amici in città si sono stretti intorno al dolore della famiglia, in attesa dei funerali per dare l'ultimo saluto al quarantenne.

Raffaele Apreda caduto dallo scooter al Colosseo

Erano circa le 3.30 quando Raffaele, che lavorava in un locale nei pressi dell'Anfiteatro Flavio, stava tornando a casa terminato il turno, improvvisamente ha perso il controllo dello scooter Honda Sh 200 ed è finito sull'asfalto. Una caduta rovinosa che purtroppo non gli ha lasciato scampo. La scena è avvenuta davanti agli occhi dei passanti che, preoccupati per le condizioni di salute dell'uomo alla guida del mezzo, hanno dato l'allarme, chiedendo l'intervento urgente di un'ambulanza. Sul posto, ricevuta la telefonata d'emergenza, è intervenuto il personale sanitario del 118 a sirene spiegate.

Al vaglio i filmati di zona, scooter sequestrato

I paramedici hanno tentato di rianimarlo, ma purtroppo non c'è stato nulla da fare per salvargli la vita. Presenti per i rilievi scientifici, gli agenti della polizia locale del I Gruppo, che hanno svolto gli accertamenti necessari. Al momento pare che nel sinistro non siano rimasti coinvolti altri veicoli, ma i poliziotti hanno acquisito i filmati ripresi dalle telecamere di sorveglianza per ricostruire con esattezza la dinamica dell'accaduto. Sequestrato lo scooter che sarà sottoposto ad ulteriori verifiche.