L’intervento dei vigili del fuoco in via Lucio Mummio
in foto: L’intervento dei vigili del fuoco in via Lucio Mummio

Un uomo è morto carbonizzato in un incendio in via Lucio Mummio 21, in zona Tuscolana a Roma. Le fiamme sono divampate stamattina, 5 aprile, domenica delle Palme, all'interno di un appartamento al quinto piano di un palazzo. Secondo le informazioni apprese, erano circa le ore 6.40 quando il fuoco si è sprigionato nell'abitazione, partendo dalla cucina. Le fiamme hanno avvolto in breve tempo l'appartamento, intrappolando l'uomo che non è riuscito a scappare in tempo. A dare l'allarme i vicini di casa, che hanno chiesto l'intervento dei vigili del fuoco.

L'uomo morto nell'incendio al Tuscolano è un sessantenne

Sul posto sono arrivati i pompieri, che hanno lavorato per domare il rogo raggiungendo il piano dall'esterno con l'aiuto di un'autoscala. Terminate le operazioni di spegnimento, i soccorritori sono entrati nell'appartamento, dove hanno trovato il cadavere bruciato dalle fiamme. La vittima è un uomo di sessantanni, per il quale purtroppo non c'è stato nulla da fare. Sul posto anche i tecnici Italgas. Presenti per i rilievi scientifici gli agenti della Polizia di Stato, del Commissarato di competenza, che hanno svolto gli accertamenti di rito. Al termine delle verifiche necessarie, la salma è stata trasferita in obitorio.

Cadavere trovato nel fiume Aniene

Ieri i vigili del fuoco hanno recuperato il corpo senza vita di un uomo dalle acque fiume Aniene. Si tratta di un cadavere in avanzato stato di putrefazione, di cui non è ancora stata resa nota l'identità. Si trovava esattamente all'altezza di Montesacro, nel tratto compreso tra il Ponte delle Valli e Ponte Salario. Ora gli investigatori stanno cercando di capire se è la stessa persona che i residenti hanno visto gettarsi da ponte Tazio una settimana fa. Sull'accaduto la procura di Roma ha aperto un fascicolo e il magistrato di turno ha disposto l'autopsia per stabilire le cause del decesso.