1.085 CONDIVISIONI
Luca Varani uciso da Manuel Foffo e Marco Prato

Il testamento di Marco Prato: “Fate una festa per me e lasciatemi lo smalto rosso”

Le ultime volontà di Marco Prato sono state redatte su tre piccoli fogli, tra cancellature e correzioni, e ritrovati nella camera numero 65 dell’hotel San Giusto di piazza Bologna. Lì il pierre trentenne aveva tentato di togliersi la vita una prima volta, a poche ore dall’omicidio di Luca Varani.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Enrico Tata
1.085 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Luca Varani uciso da Manuel Foffo e Marco Prato

"Volontà per mamma e papà". Undici punti, undici desideri, gli ultimi, di Marco Prato. Sono stati scritti su tre piccoli fogli, tra cancellature e correzioni, e ritrovati nella camera numero 65 dell'hotel San Giusto di piazza Bologna. Lì il pierre trentenne aveva tentato di togliersi la vita una prima volta, a poche ore dall'omicidio di Luca Varani. Provò ad uccidersi con una maxi dose di tranquillanti, ma fu salvato dalle forze dell'ordine. Ieri si è suicidato in carcere, con un sacchetto riempito di gas stretto in testa. "Fate festa al mio funerale", "ascoltate le canzoni di Dalida", "Mettete ‘Ciao amore ciao', quando è finita", le ultime volontà del ragazzo, accusato, insieme a Manuel Foffo, del brutale assassinio del 23enne in un appartamento al Casilino. "Non indagate sui miei risvolti torbidi, non sono belli", avverte i genitori. "Buttate il mio telefono e distruggete i pc, nascondono i miei lati più brutti", si legge nel documento pubblicato in esclusiva da Il Tempo.

Le ultime volontà di Marco Prato

Questo l'elenco per punti (alcuni) redatto da Marco Prato e pubblicato oggi dal quotidiano il Tempo.

  1. Fate festa per il mio funerale anche se vorrei una cerimonia laica, fiori, canzoni di Dalida, bei ricordi. Una festa, dovete divertirvi
  2. Mettetemi la cravatta rossa, donate i miei organi, lasciatemi lo smalto rosso alle mani. mi sono sempre divertito di più ad essere una donna
  3. Organizzate sempre, una volta alla settimana o al mese, una cena o un pranzo con tutti i miei cari amici e amiche che ho amato tanto
  4. Fate sempre festa, sentitevi Dalida ogni tanto
  5. Mettete ‘Ciao amore ciao' quando avete finito la festa per me e ricordate tutti assieme i miei sorrisi più belli.
  6. Buttate il mio telefono e distruggetelo insieme ai due pc, nascondono i miei lati più brutti. Non indagate sui miei risvolti torbidi, non sono belli
1.085 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni