"Roma è allo sbando e la sindaca deve prendere atto delle sue difficoltà a gestire la città". In un'intervista rilasciata nel corso di Non stop News, la trasmissione d'informazione condotta da Fulvio Giuliani, Giusi Legrenzi e Pierluigi Diaco su RTl 102.5, il segretario reggente del Partito democratico, Maurizio Martina, ha di fatto chiesto le dimissioni di Virginia Raggi. Per l'ex ministro la responsabilità della sindaca nella vicenda dello stadio della Roma "è evidentissima. Pur essendo da un'altra parte, non tifo per il disastro, non gioisco perché la Capitale viene gestita male, ma la sindaca Raggi deve prendere atto delle sue difficoltà a gestire Roma".

Martina: "Raggi valuti seriamente di lasciare il campo"

Secondo Martina il Partito democratico ha "sempre cercato di stare sul tema della responsabilità politiche e amministrativa. Stiamo dicendo da giorni alla sindaca di prendere atto di una situazione che non riesce a gestire, in una realtà difficilissima. Secondo me – l'affondo del segretario dem – la Raggi dovrebbe tenere conto di quello che non è stata in grado di fare e dovrebbe valutare seriamente la possibilità di lasciare il campo".

Il primo esponente del Movimento 5 Stelle a commentare le parole di Martina è il consigliere capitolino Giuliano Pacetti, che su Facebook scrive: "Il reggente del Pd dovrebbe chiedere le dimissioni del governatore del Lazio Nicola Zingaretti. Un suo assessore del Pd è stato addirittura arrestato perché, si legge nelle intercettazioni, avrebbe chiesto a Parnasi una raccomandazione per far assumere il figlio. Ma non solo. Martina dovrebbe chiedere le dimissioni di Zingaretti per il suo immobilismo nei confronti dei cittadini". "Ricordo a Martina che il suo partito è stato tra gli artefici della distruzione di Roma e che ora dovrebbe sentire l’esigenza di partecipare alla sua ricostruzione morale e civile",