31 Marzo 2015
19:16

Il Comune è moroso? Acea stacca l’acqua a 90 appartamenti

Rabbia e sconcerto a via Giolitti, dove Acea ha staccato l’acqua a tre palazzine a causa della morosità del Comune di Roma. Un’inquilina racconta: “Ci avevano assicurato che Acea e istituzioni stavano trovando una soluzione, ma al momento circa 300 persone sono senza acqua, tra cui anziani e bambini”.
A cura di Valerio Renzi

 "Hanno staccato l'acqua a 90 appartamenti, qui ci vivono circa 300 persone tra cui anziani allettati e famiglie con bambini piccoli. Sono anni che questa storia va avanti Acea e il Comune di Roma non si mettono d'accordo e a pagarne le conseguenze siamo noi inquilini". Siamo a via Giolitti, strada che corre parallela alla Stazione Termini in pieno centro. A parlare è Anna Mazzone, che vive qui dal 2010, in un super condominio comprendenti i numeri civici 101, 119 e 137. Sono palazzi originariamente di proprietà del comune di Roma, in cui molti condomini hanno riscattato la loro casa e dove il comune ha deciso di vendere gli appartamenti ancora di sua proprietà con l'ultima (contestatissima) delibera sull'alienazione del patrimonio pubblico. Ed è proprio il comune di Roma a risultare moroso nei confronti di Acea per una cifra di circa 37mila euro, secondo quanto raccontato dagli inquilini.

"Già avevano provato a staccare il contatore due volte nelle ultime settimane ma eravamo riusciti ad evitarlo – racconta ancora Anna – ma oggi alle 11.00 sono tornati i tecnici e hanno tolto l'acqua a tutti, visto che abbiamo un contatore unico al civico 119. Eppure avevamo ricevuto rassicurazioni da Acea e dalle istituzioni su una risoluzione della vicenda. Eravamo anche disponibili a procedere con i distacchi singoli, pagando più di 1000 euro per uno". Ma non c'è stato nulla da fare a quanto pare, Acea, azienda a capitale a maggioranza pubblico, ha deciso di procedere con il distacco per morosità come sempre più spesso sta accadendo in questi mesi.Nel 2013  Acea e Comune di Roma strinsero un accordo (a quanto pare mai rispettato), tramite cui il comune si impegnava a sanare la sua situazione in tre tranche. "Il paradosso è che non solo le nostre case saranno vendute a prezzo di mercato e non potremo comprarle – spiega un inquilino di una casa di proprietà comunale – Ma ora siamo ancora senza acqua per colpa del comune di Roma".

Sulla vicenda è intervenuto anche la parlamentare 5 Stelle, da sempre impegnata sul tema dell'acqua pubblica, Federica Daga, che ha criticato duramente l'episodio. "Ci vedo interruzione di pubblico servizio – si legge sulla pagina Facebook dell'esponente pentastellata – rischio sanitario, inagibilità dei locali ora abitati. Senza contare che il Comune di Roma aveva approvato ben due mozioni contro i distacchi idrici nel settembre 2013. Abbiamo anche depositato un'interrogazione sul tema dei distacchi e di ciò che causa tale pratica".

Migranti tra acqua nera e invasione di insetti: così si sopravvive nel centro accoglienza di Caserta
Migranti tra acqua nera e invasione di insetti: così si sopravvive nel centro accoglienza di Caserta
105.470 di AntonioMusella
Sciopero per il clima a Roma, davanti alle sedi Eni e Acea bruciata una bolletta gigante
Sciopero per il clima a Roma, davanti alle sedi Eni e Acea bruciata una bolletta gigante
Esplodono le fogne sul Lungomare a Napoli, puzza e chiazze marroni
Esplodono le fogne sul Lungomare a Napoli, puzza e chiazze marroni
43.390 di Fanpage.it Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni