Follia questa notte a Roma, in via Casilina, intorno alle 2.30. Senza nessun motivo, un uomo ha ripetutamente colpito i finestrini di un bus notturno dell'Atac, distruggendoli completamente. Poi, ha provato a darsi alla fuga. Un passante che ha assistito alla scena lo ha però fermato tramortendolo con un pugno in testa, e bloccandolo fino all'arrivo delle forze dell'ordine. Illeso l'autista, che ha assistito impotente alla scena. "Altro che ronde, qui ci vogliono i taser per gli autisti – ha commentato il sindacalista Claudio De Francesco del Faisa Sicel – Grazie all'eroico passante: il sindaco dovrebbe premiarlo come cittadino dell'anno". L'autobus è stato danneggiato completamente dal raid: le immagini diffuse successivamente all'accaduto, lo mostrano con i vetri completamente in frantumi e divelti. Non si sa cosa abbia scatenato la furia del passeggero e perché abbia compiuto quest'atto insensato, sul quale indagano le forze dell'ordine, che intanto hanno fermato l'uomo.

Aumentano le aggressioni e le violenze nei confronti degli autisti Atac

Sono sempre di più le notizie che riguardano aggressioni e atti vandalici sugli autobus della linea Atac. Questi episodi si verificano soprattutto durante la notte, e stanno diventando un vero e proprio incubo per gli autisti, che guidano con il terrore che alla fermata salga la persona o la comitiva sbagliata. Solo qualche settimana fa un lavoratore è stato aggredito con ferocia da un gruppo di adolescenti, furiosi per essere stati sgridati. Oltre a fare confusione e a disturbare gli altri passeggeri, avevano azionato la leva di emergenza che consente l'apertura delle porte anche non in prossimità della fermata. Alla reazione dell'autista, si sono imbestialiti e lo hanno massacrato di bottesi sono imbestialiti e lo hanno massacrato di botte. L'autista è stato ricoverato in ospedale: gli hanno rotto il naso.