La vicesindaco di Rocca di Papa
in foto: La vicesindaco di Rocca di Papa

"Il sindaco Emanuele Crestini è stato l'ultimo ad uscire dal municipio e infatti è ferito, ustionato grave, insieme al comandante della polizia locale. Ci stavamo contando fuori con una forte emotività, pensando al prossimo è uscito per ultimo". Sono le parole della vicesindaco di Rocca Di Papa, Veronica Cimino, che ai cronisti ha raccontato come ha vissuto l'esplosione di questa mattina: "Erano in corso dei lavori di carotaggio sul corso principale, uno studio era incaricato di fare delle indagini e c'è stata una rottura di una condotta del gas. Non abbiamo avuto tempo di accorgerci di quello che stava succedendo. Sono stati evacuati tutti i palazzi vicini. La protezione civile ha allestito una cucina da campo. Possiamo installare tende o accogliere le persone evacuate nelle nostre strutture. Saranno sicuramente meno di cento", ha detto ancora Cimino. "Durante dei lavori si è verificata una fuga di gas in seguito alla quale è avvenuta un'esplosione. Ci siamo immediatamente occupati della messa in sicurezza delle strutture e dello spegnimento dell'incendio", ha spiegato Maria Pannuti del comando provinciale dei vigili del fuoco di Roma.

"Sono viva per miracolo", ha raccontato una dipendente del Comune di Rocca di Papa che si trovava all'interno del municipio. Per salvarsi, ha dovuto letteralmente correre in mezzo alle fiamme e davanti a lei c'era il sindaco Crestini. "E al primo piano una persona per mettersi in salvo si è buttata giù dal balcone, ferendosi". Crestini è ricoverato nel reparto Grandi Ustionati dell'ospedale Sant'Eugenio di Roma per ustioni sul 35 per cento del corpo, soprattutto su braccia e volto.