5 Maggio 2020
11:12

Esplosione a Marino, palazzo sventrato: migliora la donna ferita, evacuate quattro famiglie

Potrebbe essere stato un malfunzionamento dell’impianto interno o un guasto alla bombola Gpl a causare l’esplosione che ieri, alle 19.56, ha completamente sventrato un palazzo a Marino, nella zona dei Castelli Romani. Sfollate quattro famiglie, mentre tre persone – due donne e una bimba di quattro anni – sono ferite ma non in pericolo di vita.
A cura di Natascia Grbic

Sarebbe stato un malfunzionamento dell'impianto interno o di una bombola gpl presente all'interno della palazzina a causare l'esplosione di ieri a Marino, dove tre persone sono rimaste sepolte sotto le macerie. Una mamma con la figlia di quattro anni, e una donna di 53 anni le cui condizioni sono apparse da subito più gravi. Fortunatamente, nessuna di loro è in pericolo di vita. "Poteva essere un disastro, la palazzina è completamente sventrata", ha dichiarato il sindaco di Marino, Carlo Colizza. L'intero stabile è inagibile, altre quattro famiglie sono state evacuate e fatte uscire dalle proprie abitazioni. Intanto proseguono gli accertamenti di Italgas e dei Vigili del Fuoco per capire cos'è che abbia causato quello scoppio tremendo che si è sentito in gran parte della zona dei Castelli Romani.

Il boato alle 19.56 ai Castelli Romani

L'incidente è avvenuto in una palazzina privata di due piani in via Carissimi, nel centro storico. Sei gli appartamenti interessanti dallo scoppio. Il boato si è sentito poco prima delle 20: e inizialmente si era subito pensato al peggio, con i Vigili del Fuoco e i carabinieri che hanno scavato per ore tra le macerie per verificare che non vi fosse nessuno sotto. Una donna e la sua bambina di quattro anni sono state estratte vive, hanno riportato solo ferite lievi ma sono state trasportate all'ospedale di Frascati per essere medicate e tenute sotto osservazione. Più grave una donna di 53 anni, ricoverata al Sant'Eugenio di Roma: ha riportato varie ustioni sul corpo ma non è in pericolo di vita.

Famiglie ospitate in centro accoglienza

In attesa di capire come procedere con la palazzina esplosa, le famiglie che sono state evacuate sono al momento ospitate in un centro di accoglienza di suore a Castel Gandolfo. Al momento non possono rientrare nei propri appartamenti, seriamente danneggiati.

Incendio in un ospedale a New York: feriti e pazienti evacuati
Incendio in un ospedale a New York: feriti e pazienti evacuati
68 di Attualita
Esplosione all'aeroporto di Kabul: il momento dei soccorsi ai feriti
Esplosione all'aeroporto di Kabul: il momento dei soccorsi ai feriti
6.640 di MatSpa
Fuga di gas all'Eur: evacuati due palazzi, chiusa via di Vigna Murata
Fuga di gas all'Eur: evacuati due palazzi, chiusa via di Vigna Murata
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni