"Restate a casa" è la frase che risuona per le strade di Roma, dal centro storico alla periferia. Vigili urbani e protezione civile armati di megafono parlano con i cittadini chiedendo di rispettare il decreto del governo per contenere la diffusione del coronavirus e limitare le uscite alle sole necessarie. La voce degli agenti e degli uomini della protezione civile risuona tra i palazzi, tra le vie semideserte. La maggior parte dei residenti è barricata in casa, ma alcuni sono ancora in giro, a piedi o in auto, fermati per i controlli dalle forze dell'ordine. A disporre le indicazioni di comunicare messaggi audio la sindaca di Roma Virginia Raggi, un invito ai cittadini di rimanere all'interno delle proprie abitazioni rispettando le norme fissate dai decreti del Governo e dalle ordinanze comunali, che raccomandano di uscire il meno possibile e solo per necessità e di mantenere in ogni caso la distanza di sicurezza di almeno un metro con le altre persone.

Raggi: "Orgogliosa dei romani, ma ci sono ancora irresponsabili"

"Sono orgogliosa dei romani, ma ci sono ancora irresponsabili, che continuano ad uscire di casa senza reale necessità, a camminare per strada e a recarsi nei parchi". Sono le parole della sindaca Virginia Raggi in un video pubblicato su Facebook in cui informa i cittadini delle misure prese finora per contrastare la diffusione del contagio da coronavirus e per venire in contro ai bisogni delle famiglie e delle attività produttive. "La maggior parte dei romani sta seguendo la semplice regola di restare a casa. Ma c’è ancora qualche incosciente che pensa di fare il furbo. Ognuno di noi ha un ruolo fondamentale in questo momento. C’è chi sta in prima linea, come i medici e gli infermieri, gli autisti di bus, metro e tram, i tassisti, i farmacisti, gli operatori Ama, chi lavora nei supermercati. Chi, invece, resta a casa contribuisce a fermare il contagio. Tutti stiamo facendo sacrifici insieme, facendo sacrifici più o meno grandi, ne usciremo".