Oltre trecento persone sono state dimesse dall'ospedale Spallanzani di Roma: è questo uno dei dati più significativi dell'ultimo bollettino pubblicato dal nosocomio capitolino. In totale, spiegano ancora dall'ospedale, i pazienti affetti da coronavirus sono 120: di questi, 19 hanno bisogno di supporto respiratorio. E tuttavia, spiegano ancora dallo Spallanzani, il quadro clinico è stabile "o in netto miglioramento per alcuni di loro". I pazienti che sono invece sotto osservazione sono sette.

Il dato più forte, tuttavia, riguarda il numero di pazienti dimessi: sono in tutto 316 persone. Nella giornata di oggi sono previste le dimissioni anche di altri pazienti, già risultati negativi ed asintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso la struttura della Città Militare di Cecchignola sono invece 32 in tutto. "Si tratta", ha fatto sapere lo Spallanzani in una nota ufficiale, "di numeri in aumento, ma ancora contenuti. Da oggi, lo Spallanzani diventa Covid-19 Hospital, e quindi accoglie prevalentemente pazienti positivi dalle altre strutture ospedaliere e territoriali di riferimento della regione Lazio". Intanto, da domani apre il Covid Hospital Columbus, anche questo "riservato" ai contagiati del coronavirus: in arrivo anche 79 posti letto, divisi tra 51 tra malattie infettive (32) e terapia intensiva (21) del Columbus ed altri 26 posti letto per il Policlinico Umberto I. Lo ha annunciato l'assessore alla Sanità Regionale Alessio D'Amato. Il Lazio, al momento, è una delle regioni dove i contagiati sono aumentati costantemente nelle ultime ore, sebbene la situazione sia ancora sotto controllo.