1.340 CONDIVISIONI
Covid 19
27 Marzo 2020
10:05

I medici del Bambino Gesù: “Spiegate ai bambini la pandemia di Coronavirus con parole semplici”

L’ospedale Bambino Gesù di Roma è il punto di riferimento pediatrico per affrontare l’emergenza coronavirus nella capitale e nel Lazio. I medici impegnati in prima fila danno i loro consigli a genitori e famiglie. “Sono ricoverati al momento cinque bambini, tutte in buone condizioni. Fino ad oggi non abbiamo registrato casi di bambini gravi e tanto meno decessi per fortuna”.
A cura di Simona Berterame
1.340 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Cosa deve fare un genitore se il proprio bambino ha febbre e tosse? Avere paura e apprensione è comprensibile con l'epidemia di nuovo coronavirus in corso, ma non bisogna lasciarsi prendere dal panico e come prima mossa contattare il proprio pediatra. Lo specialista saprà consigliare quali sono le mosse giuste da compiere, recandosi al pronto soccorso solo in caso di estrema necessità e su consiglio del pediatra. Appare importante inoltre trovare le giuste parole per spiegare ai più piccoli quello che sta accadendo, per permettergli di affrontare al meglio questa situazione eccezionale. A spiegarcelo è Maria Antonietta Barbieri, responsabile del pronto soccorso della sede di Palidoro dell'Ospedale Bambino Gesù. "È necessario spiegare anche ai bambini cosa sta accadendo, raccontando questa epidemia con parole semplici e senza creare panico e paura. Anche per i più piccoli questo è un momento di forte stress e devono viverlo senza paura e nell'ambiente più sereno possibile".

La dottoressa poi rassicura: "Qui sono ricoverati cinque bambini, tutte in buone condizioni. Fino ad oggi non abbiamo registrato casi di bambini gravi e tanto meno decessi per fortuna". L'importante è attenersi alle regole emanate dal Governo ormai quasi venti giorni fa, mantenendo le distanze di sicurezza e lavandosi spesso le mani. I bambini dovrebbero evitare di incontrare le persone più anziane e quindi più fragili, perciò quando è possibile l'invito è di tenerli lontano dai propri nonni per non metterli in pericolo.

Il pre-triage del Bambino Gesù

All'ingresso del Bambino Gesù del Gianicolo e di Palidoro sono state montate due tende pre-triage della Protezione Civile, che consentiranno una più efficace e sicura gestione dei pazienti in arrivo con sintomi respiratori o simil-influenzali. All'ingresso del Pronto Soccorso delle due sedi, i pazienti che non presentano sintomi respiratori o simil-influenzali seguiranno il percorso usuale (triage e sala di attesa di pronto soccorso), accompagnati però da una sola persona e mantenendo almeno un metro di distanza dagli altri pazienti in attesa. I pazienti con sintomi respiratori o simil-influenzali, invece, accederanno alla tenda pre-triage uno alla volta, accompagnati da una sola persona. Sia il paziente che l'accompagnatore indosseranno la mascherina ed effettueranno l'igiene delle mani. Nella tenda pre-triage il personale sanitario effettuerà lo screening del paziente e lo indirizzerà ai percorsi previsti in base all'esito dei controlli, effettuando anche il tampone qualora venga ritenuto necessario.

1.340 CONDIVISIONI
31612 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni