L'assemblea capitolina ha approvato l'ultimo step del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che comprende, tra i vari interventi, anche il progetto di una funivia su Roma. Il Piano proposto dall'amministrazione Cinque Stelle con iter amministrativo partito nel 2017, che ha ricevuto al suo ok 24 voti favorevoli, 3 astenuti e 2 contrari, si pone come obiettivo quello di intervenire sugli spostamenti nella Capitale per migliorarli, con attenzione verso l'ambiente. A tal proposito, il Comune di Roma ha chiesto fondi al ministero delle Infrastrutture per finanziare sette progetti: tre nuove tranvie, potenziamento e prolungamento di linee ferroviarie urbane, due funivie e nuovo materiale rotabile.

Interventi alla metropolitana

Nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile c'è l’adeguamento delle metropolitane A e B, interventi alla ferrovia Roma-Giardinetti, e la realizzazione di un collegamento tra le linee A e C a Tor Vergata. Inoltre la linea C attende un prolungamento di tratta fino alla Farnesina. Prevista anche una nuova linea, la D, dal capolinea Ojetti ad Agricoltura, collegando Roma Nord a Roma Sud, passando per il centro storico e prevedendo lungo il percorso i relativi snodi con le altre linee già presenti.

I tram

Per quanto riguarda i tram sono confermate tre nuove tranvie: da via dei Fori imperiali a Piazza Vittorio, dalla stazione Tiburtina a piazzale del Verano, dall'Auditorium a piazza Risorgimento.

Le funivie

Le funivie Battistini-Casalotti, e tra Magliana e piazza Civiltà del Lavoro si faranno, mentre il collegamento tra Jonio e Bufalotta avverrà su rotaie. "Roma si dota finalmente di una vera programmazione sulla mobilità, una strategia futura di medio e lungo periodo che risponde a una visione precisa di quello che vogliamo per la Capitale", ha commentato entusiasta a margine la sindaca Virginia Raggi.