Foto Facebook
in foto: Foto Facebook

Lavorare con queste temperature e con questa umidità non è facile per nessuno. Anzi, per molti, costretti a lavorare anche nella settimana di Ferragosto, è davvero un'impresa ardua. Per esempio per chi lavora da mattina a sera all'interno di un gazebo senza aria condizionata, come gli edicolanti, è una vera e propria tortura. E infatti a Velletri, paese dei Castelli Romani in provincia di Roma, c'è chi chiude "per troppa callaccia", cioè, per l'appunto, per il troppo caldo. "Riapriamo sabato 17 agosto. Buon Ferragosto!", si legge sul cartello scritto a mano e attaccato sulla saracinesca abbassata del chiosco. Da sottolineare, comunque, che Ferragosto è festa nazionale e il 16 agosto i giornali non escono in edicola. Probabilmente, visto il caldo torrido di queste ultime ore, l'edicolante ha deciso di anticipare la chiusura di qualche ora.

Caldo asfissiante ancora per poche ore: da domani arriva l'anticiclone delle Azzorre

Tra l'altro per lui, come per tutti, ci sono buone notizie in cui sperare sul fronte meteorologico: da domani, mercoledì 14 agosto, è previsto l'arrivo dell'anticiclone delle Azzorre, che dovrebbe portare con sé temperature più fresche e scalzare dalla penisola il caldo africano che ha dominato in questa settimana. Se oggi a Roma e provincia il ministero della Salute ha diffuso un'allerta caldo di livello 3, già da domani l'allerta tornerà a livello 0 (di colore verde).