2.027 CONDIVISIONI
14 Maggio 2018
11:17

Alberto Delfini, 25 anni, ucciso a colpi di fucile dal suocero per 60 euro: lascia un bimbo di 5 mesi

Domenico Nardoni ha ucciso Alberto Delfini, 25 anni, il compagno della figlia e papà del nipote di soli cinque mesi. Alla base dell’ennesimo litigio finito a colpi di fucile, da quanto si apprende un piccolo debito di poche decine di euro. Il corpo è stato ritrovato in una strada di campagna di Castel Madama, in provincia di Roma.
A cura di Va.Re.
2.027 CONDIVISIONI
Alberto Delfini
Alberto Delfini

Sessanta euro. Un debito irrisorio che ha acceso la miccia dell‘omicidio di Alberto Delfini, ucciso a 25 anni con un colpo di fucile a Castel Madama la sera di sabato 12 maggio. Il corpo è stato ritrovato in via di Vicovaro, una strada di campagna non lontano dall'abitazione della famiglia della fidanzata. A segnalare la presenza del corpo Domenico Nardoni, 46 anni, il papà della compagna di Alberto. Ha chiamato il 112, ma prima avrebbe tentato di costruirsi un alibi e di cancellare alcune tracce che portavano a lui. Ma gli inquirenti, dopo alcune ore di serrate indagini, hanno fermato l'uomo che al termine di un lungo interrogatorio in cui ha tentato di raccontare un'altra versione, ha infine confessato l'omicidio.

Ora Alberto lascia non solo la compagna, ma anche un figlio piccolo di soli 5 mesi, a cui qualcuno un giorno dovrà raccontare di come suo padre è stato ucciso dal nonno. Da quanto si apprende il debito di qualche decina di euro sarebbe stato solo il pretesto che ha innescato prima il litigio e poi lo sparo con un fucile semiautomatico (risultato poi rubato). I dissapori tra il ragazzo e il padre della compagna andavano avanti da tempo. Secondo quanto ricostruito i due uomini si erano dati un appuntamento per chiarire la restituzione di quelle poche decine di euro, ma la discussione è subito trascesa in litigio. Poi Domenico Nardoni ha afferrato il fucile ed esploso un solo colpo che ha ucciso Albero in poche decine di secondi.

2.027 CONDIVISIONI
Alberto Genovese condannato per stupro:
Alberto Genovese condannato per stupro: "Ancora non si è pentito di quello che ha fatto"
283.981 di Chiara Daffini
Giacomo, vigilantes di 45 anni:
Giacomo, vigilantes di 45 anni: "12 ore di lavoro a 5 euro, contratto mai arrivato"
Damiano Coletta:
Damiano Coletta: "La destra accetti la sconfitta, ora lavoriamo tutti per l'interesse di Latina"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni