Dopo la moria di storni causata dalla caduta del platano davanti al Policlinico Umberto I, in strada sono rimaste le buste con i corpi degli uccelli, ormai privi di vita. I sacchetti non erano stati ancora tolti dopo il brutto incidente che ha visto il ferimento di un uomo di 51 anni, la morte di centinaia di storni, e il danneggiamento di una vettura. Un fatto molto grave, soprattutto perché il ferito, originario della provincia di Grosseto, è stato ricoverato in codice rosso all'ospedale. Gli storni si trovavano sull'albero al momento dello schianto. Quando sono caduti in terra, molti sono morti a causa della violenza dell'impatto col suolo, altri sembra che siano invece deceduti a causa del passaggio delle macchine. Un episodio terribile, che ha scosso le decine di persone che hanno assistito alla scena, sconvolte per quanto visto.

Albero crollato al Policlinico, ferita gravemente una persona

L'albero che si è schiantato davanti al Policlinico Umberto I martedì sera era un platano. A farlo crollare, il forte vento che negli ultimi giorni ha soffiato sulla capitale: la burrasca prevista era così forte che la Protezione Civile aveva deciso di diramare l'allerta meteo, indicando alcune precauzioni da prendere nel corso della giornata di martedì 29 gennaio. Intorno alle 19, il platano è caduto distruggendo una macchina, ferendo una persona e causando la morte di centinaia di uccelli. Il problema del crollo degli arbusti non è nuovo a Roma e nel Lazio: ogni volta che il vento soffia un po' più forte del previsto, gli alberi inevitabilmente cadono, danneggiando vetture e ferendo persone.