Gli operai hanno montato le luci al Parco di Via delle Palme a Centocelle– Foto Potere al Popolo Roma
in foto: Gli operai hanno montato le luci al Parco di Via delle Palme a Centocelle– Foto Potere al Popolo Roma

Il parco di via delle Palme a Centocelle, praticamente davanti alla Pecora Elettrica, il locale incendiato qualche giorno fa, sarà illuminato anche di notte. Qualche ora fa gli operai di Acea hanno installato alcuni lampioni, attivi già da questa notte. "Ho chiesto ad Acea che venga intensificata l'illuminazione in tutta l'area dove si trovano locali e attività commerciali, soprattutto quelli a ridosso del Parco", aveva promesso la sindaca Virginia Raggi durante il sopralluogo al locale distrutto dalle fiamme. Una decisione tardiva, questa della prima cittadina, secondo il consigliere di Fratelli d'Italia Francesco Figliomeni, che denuncia di aver scritto per tre anni ad Acea per "chiedere ed ottenere di riaccendere l’illuminazione pubblica a Centocelle visto che quasi sempre è un quartiere che viene lasciato al buio con immaginabili rischi e pericoli per la Sicurezza, l’ultima volta proprio all’inizio di questa settimana".

Continuano le indagini sull'incendio alla Pecora Elettrica

La stessa sorte della Pecora Elettrica è toccata al Baraka Bistrot, incendiato probabilmente per aver espresso solidarietà ai gestori del primo locale dato alle fiamme. La dinamica, stando a quanto emerso dalle indagini, è molto simile. "Ho chiuso il locale alle tre meno un quarto e sono andato a casa. Alle 4.20 mi chiamano quelli del sistema di allarme, dicendomi che sentono dei rumori. Mi precipito in macchina al locale e quando arrivo vedo la serranda alzata da terra, la porta aperta e fuoco dappertutto. In un paio di minuti poi sono arrivati tutti, vigili del fuoco, carabinieri. È tutto distrutto",ha raccontato il proprietario. Per far luce sui due attacchi incendiari le indagini vanno proseguono e una delle piste più battute dagli investigatori è quella di un possibile collegamento con gli spacciatori che operano nel parco di via delle Palme. Là i lampioni sono stati distrutti proprio dai pusher per agire nell'invisibilità.