Uno zio di 63 anni si trova in carcere ed è finito a processo, imputato per violenza sessuale aggravata, ritenuto responsabile di aver abusato della nipotina di dieci anni nel Viterbese. Ieri sono stati ascoltati tre testimoni, la prossima udienza è prevista per maggio, mentre la sentenza dovrebbe arrivare a ottobre. Come riporta Tuscia Web, i fatti risalgono all'estate del 2016, quando l'uomo, avrebbe molestato la bambina “con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso in numerose occasioni compiva atti sessuali con la minore, consistiti nel farsi toccare i genitali, nel toccarle il seno e i genitali inserendo la mano sotto la biancheria e nel farsi praticare rapporti orali”. Secondo la procura, gli abusi si sono consumati in più occasioni e i fatti sarebbero sostenuti dai referti medici dell'ospedale Belcolle che hanno visitato la bambina. Inoltre la piccola è stata sottoposta a un colloquio psicologico sotto la supervisione dell'assistente sociale e ha confermato l'accaduto, raccontando inoltre altri due episodi simili .

Zio abusa sessualmente della nipotina di dieci anni

Ad insospettirsi dei comportamenti dell'uomo è stata sua moglie e sorella della madre della bimba che in un caldo pomeriggio dell'estate di tre anni fa ha notato una scena che l'ha turbata: suo marito era seduto in giardino con la piccola in braccio e teneva la sua manina sulle parti intime di lui. La donna ha subito raccontato l'accaduto alla cognata e i genitori della bimba si sono rivolti ai carabinieri.