Un uomo di 94 anni, poche ore dopo la morte della moglie per cause in ospedale, ha deciso di togliersi la vita. È martedì 16 luglio quando l’uomo torna nella sua casa di Vetralla dopo essere stato all’ospedale Belcolle ad assistere la compagna di una vita intera fino all’ultimo momento. Preso dallo sconforto di trovarsi solo in quella casa abitata per tanti anni con la consorte, dalla disperazione di trovarsi solo dopo decenni passati insieme nella buona e nella cattiva sorte, o forse avendo preso la lucida scelta di non voler andare avanti senza di lei avendo vissuta una vita piena, si è tolto la vita.

Soccorso in casa, Giuseppe Mancini è stato trasportato d’urgenza in ospedale dove però ormai per lui non c’era più nulla da fare: troppo gravi le lesioni procurate da quella coltellata all’addome. Sottoposto d’urgenza a un’operazione, è purtroppo deceduto. Sul posto i carabinieri della stazione locale che hanno aperto un fascicolo su quanto accaduto. La drammatica storia è raccontata oggi dalla stampa locale: l’ultimo saluto agli anziani coniugi sarà congiunto e si terrà nel pomeriggio di oggi a Vetralla. Marito e moglie saranno da quanto si apprende seppelliti assieme nel cimitero del paese.