Valerio Proietti
in foto: Valerio Proietti

Valerio Proietti è tornato a casa. Dopo cinque giorni si sono concluse nel migliore dei modi le ricerche del 23enne scomparso il 3 marzo da Monterotondo, paese nei dintorni di Roma.  A Roma Today la sorella Tania ha spiegato: "Ci ha chiamato ieri sera e lo siamo andati a prendere. Sta bene. Ringrazio di cuore tutti coloro che ci hanno aiutato e che ci hanno manifestato vicinanza in questi giorni difficili". La sorella aveva lanciato un appello sui social network e del caso si era occupata anche la trasmissione di Rai Tre ‘Chi l'ha visto?' condotta da Federica Sciarelli.

Ieri la telefonata di Valerio ai genitori: "Sto bene, mi mancate"

Proprio alle telecamere di Chi l'ha visto? ieri la famiglia del ragazzo ha raccontato la telefonata con cui Valerio ha detto loro di stare bene e di sentire la loro mancanza. "Ho fatto una stupidaggine, una ragazzata", ha detto il 23enne ai genitori. "Piangeva, era stanco, ma piangeva di gioia. Gli mancavamo", ha raccontato la mamma di Valerio. Il ragazzo era scomparso intorno alle 18 del 2 marzo mentre saliva su un bus in direzione della stazione di Monterotondo Scalo. Era stato visto da un'amica sull'autobus. Il suo smartphone, quello con cui ha chiamato ieri i genitori, risultava spento dalle 18 e 17 del 2 marzo. Non è chiaro dove il giovane abbia trascorso questi cinque giorni di lontananza da casa. Non sono chiari neanche i motivi per cui il giovane abbia deciso di allontanarsi dalla sua famiglia.