Aveva aperto ben quindici conti correnti bancari mettendo a segno truffe ai danni di agenzie e istituti di credito. Aveva scelto la Capitale, come terreno di sfida per accaparrarsi soldi che non gli spettavano attraverso truffe e raggiri ideati con un modus operandi ben collaudato, sicuro di celare con successo il proprio nome e di non essere scoperto. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno arrestato un cinquantaquattrenne napoletano ‘ladro d'identità' già noto alle forze dell'ordine per gli stessi reati e posto ai domiciliari. Il provvedimento è scattato a seguito della misura cautelare disposta dal giudice per le indagini preliminari della Procura di Roma. I finanzieri hanno reso operativa la misura, hanno sorpreso l'uomo a Napoli e lo hanno tratto in arresto. Sono in corso ulteriori accertamenti per capire l'entità del denaro sottratto e quantificare l'importo complessivo del raggiro.

Truffe ad agenzie e istituti bancari di credito

I fatti sono emersi a seguito delle indagini condotte dai finanzieri, che hanno portato alla luce le responsabilità del cinquantaquattrenne nei confronti di agenzie e istituti bancari di Roma. L'uomo infatti, era riuscito ad aprire a nome di persone, dalle indagini risultate totalmente inconsapevoli dei fatti, ben quindici conti correnti grazie a documenti d'identità falsi. In questo modo il truffatore riusciva a versare assegni bancari rubati emessi da banche e società di assicurazione a fronte del risarcimento di sinistri e non appena il denaro poteva essere riscosso, il ladro d'identità svuotava nell'immediato i conti.