Il cadavere di un uomo è stato recuperato nel fiume Tevere a Roma. Il corpo è stato avvistato intorno alle ore 14 di oggi 11 luglio trasportato dalla corrente, all'altezza della confluenza con il fiume Aniene, nei pressi di via Salaria e a ridosso di via del Foro italico. A dare l'allarme un passante, che ha notato qualcosa di strano emergere dalla superficie dell'acqua e che, resosi conto che si trattava di un essere umano, preoccupato per le sue condizioni di salute, ha subito chiamato i soccorsi.

Non è ancora chiara l'identità dell'uomo e sono in corso le procedure di riconoscimento della salma. Sul posto, per il recupero, sono intervenuti i vigili del fuoco del Comando di Roma nucleo sommozzatori e fluviale, che sono entrati in acqua per recuperare la vittima ormai senza vita e trasportarla a riva. Il corpo poi, è stato consegnato alle autorità competenti.

Secondo le prime informazioni apprese, il cadavere si trovava in acqua già da alcuni giorni. Sono in corso le indagini per chiarire cosa sia accaduto, perché l'uomo sia morto e come sia finito in acqua. Le forze dell'ordine hanno svolto i rilievi del caso e non si esclude nessuna pista.