Scuole chiuse a Sora, Cassino e dintorni domani, sabato 9 novembre, dopo le varie scosse di terremoto che si sono registrate ieri nel territorio della provincia di Frosinone e in Abruzzo. A pubblicare l'ordinanza per Sora, diffusa anche con una nota su Facebook, il Comune ciociaro, amministrato dal sindaco Roberto De Donatis. Nel documento si legge che "a seguito di una consistente scossa di terremoto si è creato il panico tra la popolazione e si registrano diverse segnalazioni di distacco dell'intonaco dalle abitazioni e di caduta di cornicioni". Sono in corso gli accertamenti per valutare i danni subiti dagli edifici, ma nel frattempo è stato ritenuto opportuno "in via cautelare, per agevolare e rendere più efficaci i sopralluoghi, la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, con la sospensione delle attività didattiche e amministrative".

Scuole chiuse a Cassino

Le scuole domani resteranno chiuse anche a Cassino. Su Facebook il sindaco Enzo Salera ha pubblicato una nota della provincia di Frosinone, la quale informa della chiusura delle scuole superiori anche nei comuni di Alatri, Alvito, Anagni, Arpino, Ceprano, Ferentino, Fiuggi, Frosinone, Isola Liri, Monte San Giovanni Campano, Paliano, Pontecorvo, Roccasecca e Veroli.

Terremoto tra Lazio e Abruzzo

La scossa di terremoto di magnitudo 4.4, con epicentro nella zona di Balsorano, tra la provincia dell'Aquila e il Lazio, è stata avvertita con forza anche nella capitale alle 18.35 di ieri, giovedì 7 novembre. Sora è appunto il Comune di una certa rilevanza che si trova più vicino all'epicentro. Nella notte la terra della Marsica e i comuni della provincia di Frosinone tra Sora e Pescosolido,si è mossa con scosse di assestamento comprese tra 2.5 e 3.5 della scala Richter. Ora la popolazione in costante allerta. La scossa era stata preceduta da uno sciame sismico nella notte tra mercoledì e giovedì.