Terremoto nel Reatino, dove la terra torna a tremare. La magnitudo registrata è di 3.3. A darne notizia il sito dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che ha pubblicato una nota su Twitter, segnalando il movimento in provincia di Rieti. La scossa si è verificata intorno alle ore 17.37 di oggi, martedì 28 gennaio. L'epicentro del sisma è stato localizzato a una profondità di otto chilometri, a una distanza di tre chilometri a Nord di Accumuli e a sette da Arquata del Toronto, entrambe colpite dal terribile sisma che fece tremare la Valle del Tronto, i Monti Sibillini, i Monti della Laga e i Monti dell'Alto Aterno ad agosto 2016.

La scossa avvertita tra Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo

Al momento non si segnalano danni a persone o cose. La scossa delle ore 17.37 è stata preceduta da un'altra, più live, di magnitudo 1.2., alle ore 3.28. L'ultima è stata avvertita chiaramente da molte persone in altre città del Lazio, oltre ad Accumoli, ad Amatrice e a Cittareale; alcuni segnalano di averla percepita in Umbria, Abruzzo e Marche.

Terremoto ad Accumuli: la distanza dell'epicentro dalle altre città

Il terremoto è stato localizzato 38 chilometri a Ovest di Teramo, (54892 abitanti), 43 chilometri a Nord de L'Aquila (69753 abitanti), 52 chilometri a Sud Est di Foligno (57155 abitanti), 53 chilometri a Est di Terni (111501 abitanti), 77 chilometri a Ovest di Montesilvano (53738 abitanti), 82 chilometri a Sud Est di Perugia (166134 abitanti), 84 chilometri a Ovest di Pescara (121014 abitanti), 86 chilometri a Ovest di Chieti (51815 abitanti), 91 chilometri a Nord Est di Guidonia Montecelio (88673 abitanti), 92 chilometri a Nord Est di Tivoli (56533 abitanti), 100 chilometri ad Est di Viterbo (67173 abitanti).

L’epicentro della scossa (Fonte: Ingv)
in foto: L’epicentro della scossa (Fonte: Ingv)