Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Tentato omicidio a Latina, dove un uomo ha cercato di uccidere a colpi di pistola l'ex della sua compagna. Giovanni C., 58 anni, aveva pianificato tutto: a bordo di un motorino si è accostato all'automobile della vittima e ha sparato quattro colpi di pistola calibro 22, danneggiando la fiancata della macchina e rompendo il vetro del lunotto posteriore. Per sua fortuna il conducente è rimasto illeso. Quest'ultimo ha messo in moto per cercare di scappare e dopo un breve inseguimento è riuscito a seminare il rivale. Il luogo dell'agguato si trova alla periferia di Latina e lì gli agenti della polizia scientifica hanno trovato un bossolo esploso, ma non la pistola utilizzata dal 58enne.

Il movente è passionale

Stando a quanto ricostruito, il movente è passionale: Nazzareno D.G., dieci anni più giovane del rivale, è l'ex dell'attuale compagna dell'altro. Giovanni era convinto che il primo fosse tornato a dare fastidio alla sua convivente, che tra l'altro lo aveva lasciato a causa di alcuni maltrattamenti. Il 15 settembre scorso, infatti, l'ex è stato arrestato per lesioni e maltrattamenti in famiglia, accusa che gli è costata mesi di carcere e poi di arresti domiciliari. Dopo la fine del rapporto, l'uomo chiedeva continuamente di andare a casa della donna per vedere la figlia che avevano avuto insieme. Con Giovanni, l'attuale compagno della donna, gli animi erano già tesi da settimane, con litigate furibonde e minacce. Lunedì sera, l'agguato: Nazzareno D.G. si trovava in macchina quando Giovanni gli ha sparato quattro colpi di pistola. Il primo si è poi presentato in questura per denunciare l'accaduto e per gli agenti è stato facile individuare e arrestare il responsabile del fatto, rintracciato nel suo appartamento, un'abitazione a Borgo Faiti, frazione di Latina.