Immagine di repertorio La Presse
in foto: Immagine di repertorio La Presse

Stop ai veicoli diesel Euro 3 a Roma, dal 1 novembre 2019. L'interdizione riguarda la Ztl anello ferroviario, una misura volta a ridurre l'inquinamento atmosferico della Capitale. Il divieto entrerà in vigore a breve, valido dal lunedì al venerdì e prende di mira i veicoli a emissioni maggiori. Il provvedimento è stato reso noto mesi fa, la Giunta capitolina ha approvato la delibera per controllare lo smog della città. L'obiettivo è di eliminare i diesel dal centro storico entro il 2024. Confermate le domeniche ecologiche, una al mese da novembre a marzo nella cosiddetta fascia verde, che comprende anche le zone periferiche.

Oltre 200mila le auto nell'area del divieto

Sono oltre 200mila le auto di residenti che rientrano nel divieto. Uno stop che, come ha informato la sindaca di Roma Virginia Raggi, nel corso di una conferenza stampa, riguarderà negli anni anche altre zone di Roma, con l'obiettivo di mantenere l'aria il più pulita possibile, per tutelare la salute di chi abita o è in visita nella Capitale. Un'eccezione sarà fatta in via temporanea per i mezzi di trasporto merci, che dal primo novembre al 31 marzo 2020, per i quali il divieto di circolazione va dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 10.30 e dalle 16.30 alle 20.30.

Aria inquinata provoca 120 morti ogni anno

Sono 120 ogni anno le morti premature provocate dal superamento del limite di legge della concentrazione di biossido di azoto. A rivelarlo un dossier dell'associazione ‘Cittadini per l'Aria'. "Almeno il 27% dei romani vive in zone della città, dove le concentrazioni di NO2 superano i 40 microgrammi/m3, e secondo i dati raccolti il 100% dei cittadini della Capitale è cronicamente esposto ad un livello di NO2 superiore a 20 microgrammi, soglia oltre la quale l'Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce effetti nocivi per l'organismo umano".