Ammonta a 39 il numero di persone sanzionate dalla Polfer per aver attraversato i binari invece di usare gli appositi sottopassaggi. È accaduto alla stazione di Ladispoli dove gli agenti hanno dato il via a un servizio straordinario di vigilanza per prevenire il fenomeno che rappresenta un vero e proprio pericolo. Secondo quanto esposto dagli agenti della Sottosezione Polizia Ferroviaria di Civitavecchia, su disposizione del Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Lazio, presso lo scalo F.S. di Ladispoli, è stata effettuata un'approfondita operazione di controllo all'interno delle stazioni: in questo senso sono state 41 le persone identificate in totale, una di queste è stata denunciata in stato di libertà e 39 sono state sanzionate per violazioni commesse in ambito ferroviario.

Negli ultimi dieci anni aumentate le vittime degli incidenti in stazione

Si tratta proprio del purtroppo ancora difusissimo fenomeno dell'attraversamento selvaggio dei binari che ogni anno in Italia provoca la morte di numerose persone. "La sicurezza delle persone che utilizzano i treni come mezzo di trasporto è uno dei maggiori obiettivi che ogni anno si prefissa la Polizia Ferroviaria", spiegano gli agenti che hanno sottolineato come anche le sanzioni possono rappresentare un deterrente per chi compie questo tipo di azione. Secondo gli ultimi dati diffusi dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie, sarebbero più di 60 i morti all'anno nel nostro paese per incidente ferroviari. Analizzando i dati nel lungo periodo, è facile notare come negli ultimi dieci anni è morta in media più di una persona alla settimana in incidenti ferroviari, escludendo i casi di suicidio.