Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Litigano, lui perde il controllo e chiude la moglie in camera da letto. Poi le spruzza del gas urticante sul viso, la afferra per il collo, la getta a terra e tenta di strangolarla. Fortunatamente la madre della vittima riesce a chiamare i soccorsi in tempo e così la donna è riuscita a salvarsi e il marito è stato arrestato. Si tratta di un ragazzo romano di 29 anni, D.M.L. le sue iniziali. Dovrà rispondere delle accuse di tentato omicidio, lesioni e maltrattamenti in famiglia. Il fatto è avvenuto lo scorso primo luglio, ma l'uomo è stato arrestato ieri dai poliziotti del commissariato di Roma Sant'Ippolito, diretto da Roberto Cioppa.

Lite su questioni economiche e sulla scarsa voglia di lavorare del marito

Stando a quanto ricostruito, la violenta litigata è scoppiata all'interno dell'appartamento dove i due vivevano insieme ai genitori di lei. La lite verteva su questioni economiche e sulla poca voglia di lavorare del marito della vittima. Fortunatamente, come detto, la madre della donna, che si trovava nella stanza accanto, ha sentito le urla della figlia, ha iniziato a urlare a sua volta e, con l'aiuto dei vicini, è riuscita a far sfondare la porta della camera e a mettere la ragazza in salvo. Il marito, invece, è riuscito a scappare spruzzando ancora il gas, anche se all'interno dell'appartamento c'era la figlia neonata, rimasta anche dolorante. Soccorsa, i medici l'hanno visitata e dimessa con 25 giorni di prognosi.