Massimo Abbafati, morto sul lavoro ieri a Ciampino
in foto: Massimo Abbafati, morto sul lavoro ieri a Ciampino

Incidente mortale sul lavoro ieri a Ciampino, il paese del secondo aeroporto di Roma alle porte della Capitale. Massimo Abbafati, un operaio 38enne di Lariano è morto dopo che il bobcat su cui lavorava si è improvvisamente ribaltato. L'uomo è stato schiacciato dal peso del mezzo e tutti i tentativi di soccorso si sono rivelati inutili. Stando a quanto riporta CastelliNotizie, l'uomo sarebbe diventato papà tra pochi mesi.

Secondo le prime ricostruzioni, quando si è verificata la tragedia l'uomo stava ripulendo il fosso di un cantiere edilizio dove sono in costruzione alcune villette. Le cause dell'incidente restano ancora sconosciute.

Fassina (Leu): "Strage di lavoro continua inesorabile"

"La strage di lavoro continua inesorabile, ogni giorno. Oggi (ieri ndr), ancora un altro operaio in un cantiere edile, a Ciampino. Non sono tragici incidenti. Sono morti annunciate, in media tre ogni giorno, 1.133 nel 2018, in aumento del 10 per cento, come documentato qualche settimana fa dall'Inail. Ma, invece di potenziare la formazione per la prevenzione e premiare le imprese più virtuose per la sicurezza del lavoro, la Legge di Bilancio del ‘governo di cambiamento' taglia di 200 milioni all'anno le risorse allocate a tali fini", dichiara in una nota Stefano Fassina deputato LeU e consigliere comunale di Roma Capitale.