Salvatore Balbi
in foto: Salvatore Balbi

"La Guardia di Finanza si stringe in un caloroso abbraccio alla famiglia. Ciao Salvatore" così le Fiamme Gialle salutano il luogotenente Salvatore Balbi, morto a cinquantasette anni di coronavirus. Il militare prestava servizio nel Reatino ed era il comandante della Tenenza della Guardia di Finanza di Antrodoco. Balbi aveva con tratto il virus e aveva manifestato i sintomi della malattia il 30 marzo scorso. Le sue condizioni di salute si sono progressivamente aggravate fino al decesso. Una lunga battaglia la sua, una lotta contro il ‘mostro' combattuta con coraggio e valore fino alla fine. Il luogotenente era molto conosciuto, stimato per la sua carriera professionale e profondamente amato dal lato umano. Tantissimi i messaggi di cordoglio alla famiglia di Salvatore, da parte di amici, conoscenti, istituzioni e forze dell'ordine.

I messaggi di cordoglio a Salvatore Balbi

"Profondo cordoglio e partecipazione al grave lutto che ha colpito la grande famiglia delle Fiamme gialle – ha commentato così la drammatica scomparsa del luogotenente il sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo, appresa la notizia – La Difesa si stringe in un forte abbraccio alla Guardia di Finanza per la perdita del collega. Il mio pensiero – scrive Tofalo – va a tutte le persone che piangono i propri cari in questo momento di grave crisi per tutto il Paese". Toccante il ricordo di Pasquale A.: "Con Salvatore ci siamo arruolati insieme nel 1983, abbiamo condiviso i due anni della Scuola, prima a Roma e poi a Cuneo, stessa Compagnia, stessi sogni, stesse aspirazioni. Ciao Sal, a te gli onori degli altari, ai tuoi cari tutta la nostra vicinanza, con la fierezza che hai fatto tutto per aiutare la tua collettività, fino all'estremo sacrificio, tenendo alto il motto araldico del Corpo".