Il centro Anffas dopo il raid dei vandali
in foto: Il centro Anffas dopo il raid dei vandali

Si sono intrufolati probabilmente di notte all'interno del centro per disabili Anffas in zona Montevergine a Roma, distruggendolo: quando ieri mattina intorno alle 5.45 la cuoca della ditta appaltatrice del servizio di refezione presso l'Anffas Roma Onlus è entrata in cucina si è trovata dinanzi a una vera e propria devastazione. A quel punto sono intervenuti le forze dell'ordine che sono giunte sul posto per i rilievi del caso e purtroppo la constatazione dei danni. Lavandini dei bagni distrutti, il locale cucina completamente frantumato così come i vari elettrodomestici contenuti al suo interno, alimenti vari rovesciati e vetri delle porte rotti: sono alcuni dei danni provocati presumibilmente da vandali che hanno così distrutto il centro per disabili in via Vitellia, in uno degli ingressi del parco di Villa Pamphili.

Non è stato rubato nulla, gesto fine a se stesso

Il Centro di riabilitazione della associazione da più di 50 anni si occupa di persone con disabilità intellettiva. La notizia ha immediatamente scatenato l'indignazione di numerose persone che hanno espresso la propria solidarietà all'associazione in molti casi offrendo anche il proprio aiuto. "Andare a colpire tutto questo con un atto vandalico fine a se stesso, non è stato rubato niente, è vergognoso – ha spiegato l'assessore comunale Valentina Vivarelli – ho telefonato  ai responsabili dell'associazione per esprimere la mia vicinanza e quella di Roma Capitale, presto li andrò a trovare".  Sull'episodio è intervenuta anche la sindaca di Roma Virginia Raggi: "Intollerabile la vandalizzazione di una casa famiglia per ragazzi con disabilità a Monteverde – ha scritto in un tweet – colpire i più fragili e chi è al loro fianco è indegno".