Non solo emergenza rifiuti a pochi passi dagli istituti scolastici ma anche termosifoni spenti e aule al gelo. Questo è stato il bentornato tra i banchi che hanno trovato gli studenti della scuola elementare Pablo Neruda di via Santi Audiface ed Abacuc, 24 nel quartiere Selva Candida. Termosifoni rotti e aule fredde come era prevedibile dopo la chiusura per le feste natalizie.

La rabbia dei genitori

"Noi rivendichiamo che vengano fatti dei controlli tempestivi per non ritrovarci ad andare a prendere di corsa i bambini per non lasciarli in aule freddo. Il buon senso ci impone di prevenire, soprattutto se si tratta di scuole e bambini. Sarebbe bastato fare delle prove la scorsa settimana. E invece scuole fredde e bambini al gelo" denuncia Andrea Montanari, ex consigliere del Municipio XIV e papà di un alunno di questo istituto. Quando stamattina i papà e le mamme hanno portato i loro figli a scuola, nessuno li ha avvisati dei termosifoni spenti, probabilmente perché era presente a scuola un tecnico che tentava di risolvere il guasto. Ma i tentativi sono stati vani e intorno a mezzogiorno i rappresentanti di istituto dei genitori, attraverso le chat di Whatsapp, hanno invitato chi poteva ad andare a riprendere i propri figli perché le aule erano gelide e nelle classi meno esposte al sole non riuscivano neanche a scrivere.

Domani orario ridotto

Con una nota, diffusa in giornata, la dirigente scolastica ha informato che a causa di un guasto e la necessità di sostituire un pezzo della caldaia, non sarà assicurato l'adeguato riscaldamento il 7 e 8 gennaio. Per questa ragione domani le lezioni verranno ridotte all'orario 9,00/14,00. Ma per molti questo non basta: sono tanti i genitori che stanno valutando per la giornata di domani di non mandare i propri figli a scuola.