Sette studentesse sono rimaste intossicate dallo spray al peperoncino spruzzato in una scuola media in via del Fringuello, zona Casilina a Roma. Uno scherzo che avrebbe potuto avere conseguenze gravi e pericolose per le giovani alunne. A riportare la notizia Il Messaggero, che ha spiegato come le adolescenti erano in bagno quando l'aria della stanza si è riempita della sostanza urticante. Non è ancora chiaro chi sia l'autore della vicenda, probabilmente uno o più ragazzi sui quattordici anni. In tal caso per il gesto molto pericoloso e che avrebbe potuto comportare conseguenze serie alle compagne di scuola, il responsabile che ha premuto la bomboletta per farne fuoriuscire il contenuto e saturare la stanza potrebbe rischiare la sospensione.

Sette studentesse intossicate

Subito dopo l'accaduto, le ragazze hanno iniziato ad avvertire uno stato di malessere. Alcune di loro hanno lamentato un forte bruciore agli occhi e alla gola e difficoltà a respirare: un vero e proprio incubo. A dare l'allarme le insegnanti che hanno chiesto l'intervento dei paramedici. I soccorritori sono arrivati pochi minuti dopo, giunti sul posto con diverse ambulanze, e hanno trasportato le sette ragazze in ospedale per sottoporle alle cure necessarie al caso ed ad alcuni accertamenti per rimediare all'intossicazione. Fortunatamente, da quanto si apprende, nessuna di loro è grave. A scuola sono intervenuti anche gli agenti della Polizia di Stato che indagano sull'accaduto per risalire ai responsabili che sta cercando di individuare anche la direzione della scuola.