Foto Sestini per Polizia dello Stato
in foto: Foto Sestini per Polizia dello Stato

Questa mattina undici persone sono state arrestate dalla Polizia di Stato. Sono tutte accusate di associazione finalizzata allo spaccio di stupefacenti, porto d'arma clandestina e incendio doloso di un'attività commerciale. Si tratta di una vasta operazione antidroga chiamata in codice ‘Blue Rose‘, che ha interessato i quartieri di Tiburtino Terzo e Colli Aniene. A eseguire gli arresti, gli agenti del commissariato di San Basilio. Attualmente non si conoscono ulteriori dettagli dell'operazione, né l'identità delle persone arrestate dalla polizia. A disporre le misure cautelari, è stata la magistratura romana: dalle indagini è emerso che il gruppo, tramite intimidazioni, minacce e uso delle armi, teneva il controllo sul territorio per gestire alcune piazze di spaccio nella capitale.

Roma, arrestate 33 persone vicine a camorra e ‘ndrangheta

‘Blue Rose' non è l'unica operazione antidroga effettuata stamattina. Altre 33 persone sono state arrestate dai carabinieri del Comando provinciale di Roma perché ritenute vicine agli ambienti della camorra e della ‘ndrangheta. Gli arresti hanno riguardato varie province d'Italia, tra cui Roma, Napoli, Cagliari, Reggio Calabria e Varese. Secondo l'accusa, queste persone farebbero parte di due associazioni criminali distinte, ma alleate al fine di incrementare i guadagni relativi allo spaccio di sostanze stupefacenti. La base era a Roma, le organizzazioni operavano in tutta Italia e facevano arrivare la cocaina dalla Spagna: l'operazione, infatti, è stata gestita dai carabinieri di Roma in collaborazione con la Guardia Civil spagnola. Oltre a effettuare gli arresti, i militari hanno sequestrato preventivamente beni per il valore complessivo di circa un milione di euro: sarebbero stati utilizzati per commettere reati o acquistati con proventi illeciti.