Una bambina di 11 anni è rimasta ferita, per fortuna in modo non grave, in una lite che è scoppiata improvvisamente tra alcuni clienti in fila alle casse dell'Ikea di Roma, nel punto vendita dell'Anagnina. Il motivo sarebbe, stando a quanto ricostruito, una banale discussione sulla precedenza alle file: dagli insulti si sarebbe passato al litigio vero e proprio e un piatto lanciato, finito in frantumi, ha ferito la piccola che era nei pressi con altri bambini.

Il litigio è avvenuto all'ora di pranzo, quando il punto vendita, come accade ogni domenica, è gremito di clienti. I due coinvolti sono un anziano e un uomo di mezza età, che erano in fila davanti al bancone dove vengono serviti i pasti. La discussione, nata per stabilire chi dovesse servirsi per primo, è durata diversi minuti, fin quando il personale dell'Ikea e altri clienti non sono riusciti a sedare gli animi. Sembrava tutto risolto, ma la situazione è degenerata poco dopo, mentre i due erano di nuovo vicini, questa volta in fila alle casse.

La moglie dell'anziano ha afferrato un piatto e lo ha lanciato contro l'uomo con cui il marito aveva litigato poco prima; ha però mancato il bersaglio, così il piatto è finito a terra ed è andato in mille pezzi e le schegge hanno investito gli altri clienti in fila, tra cui la bambina che è rimasta ferita lievemente a una caviglia. La piccola, spaventata e piangente, è stata medicata dagli addetti dell'Ikea, non è stato necessario ricorrere alle cure ospedaliere. Poco dopo, su segnalazione dei responsabili del negozio, sono arrivati i carabinieri della compagnia di Ciampino, che hanno identificato i tre coinvolti nel litigio.