L'ex sindaco di Roma Ignazio Marino è stato assolto dalla denuncia per diffamazione arrivata dal Movimento Cinque Stelle. Questa la decisione del Tribunale di Roma, arrivata oggi, mercoledì 5 giugno, in relazione a una notifica che risale al 20 aprile del 2015, quando Marcello De Vito, Virginia Raggi, Enrico Stefàno, Daniele Frongia, Roberta Lombardi e Gianluca Perilli denunciarono l'allora primo cittadino Ignazio Marino alla Procura di Roma. "Mi sento soddisfatto per la decisione dei giudici ma non allegro, ripensando al tempo perso in questi anni in Tribunale, alle energie spese dagli avvocati, e alle ansie procurate ai miei familiari" il chirurgo ex sindaco ha reso nota la notizia della sua assoluzione con un post pubblicato su Facebook, insieme a uno scatto che lo ritrae con il camice mentre parla al telefono sorridente.

Ignazio Marino ex sindaco di Roma denunciato per diffamazione

I fatti risalgono al 2015, quando Ignazio Marino era ancora sindaco di Roma. Dopo l'arrivo della denuncia da parte del Movimento Cinque Stelle, il sostituto procuratore Ielo, l'8 Maggio, chiese l'archiviazione "non avendo il Marino utilizzato espressioni gratuitamente denigratorie della dignità e della reputazione altrui". Tuttavia, il giudice per l'udienza preliminare decise di rinviare l'ex sindaco a giudizio. Un processo durato ben quattro anni e che si è concluso oggi, con l'assoluzione. "Penso che un'esperienza come la mia allontanerà molte persone motivate e per bene dall'impegno nella vita pubblica del Paese – ha commentato Marino – questo è ciò che accade quando si concepisce l'impegno pubblico come un servizio per il bene comune da parte di chi invece lo vede come una ‘battaglia per il potere'".