Piero Terracina lo scorso 25 gennaio 2019, durante la mostra "Testimoni dei Testimoni, ricordare e raccontare Auschwitz " a Palazzo delle Esposizioni a Roma.
in foto: Piero Terracina lo scorso 25 gennaio 2019, durante la mostra "Testimoni dei Testimoni, ricordare e raccontare Auschwitz " a Palazzo delle Esposizioni a Roma.

È morto all'età di 91 anni Piero Terracina, uno degli ultimi sopravvissuti italiani ad Auschwitz. Terracina, che appena un mese fa aveva compiuto 91 anni, era nato e cresciuto a Roma, vivendo in prima persona il dramma della deportazione durante la Seconda Guerra Mondiale, quando a soli 16 anni venne arrestato assieme a tutta la sua famiglia e avviato al campo di concentramento di Auschwitz.

Nominato nel 2003 Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana, Piero Terracina ha sempre raccontato con lucidità la sua terribile esperienza di minore deportato nei campi di sterminio nazisti. Espulso a dieci anni da tutte le scuole italiane con l'introduzione delle leggi razziali che vietavano agli ebrei di svolgere la vita di tutti i giorni, riuscì a salvarsi assieme alla sua famiglia dal famoso "rastrellamento" di Roma del 16 ottobre 1943. Ma il 7 aprile 1944 venne "venduto" da un conoscente, che segnalò il nascondiglio di lui e dell'intera famiglia ai nazifascisti.

Arrestato assieme ai genitori (Giovanni Terracina e Lidia Ascoli), la sorella Anna, i fratelli Cesare e Leo, lo zio Amedeo ed il nonno Leone David, furono tutti avviati il 17 maggio del 1944 al campo di concentramento di Auschwitz, dove nello stesso giorno di arrivo si consumò la tragedia da lui stesso raccontata: vennero divisi, picchiati, avviati ai lavori forzati. Ma questo accadde solo ai più "giovani" e "fortunati". Quello stesso giorno dell'arrivo, separato dai familiari, raccontò di aver chiesto alla sera dove fossero i suoi parenti. Gli venne indicato del fumo che usciva da un camino: "Sono già usciti, da lì". Unico superstite della sua famiglia, fu liberato il 27 gennaio del 1945 dalle truppe sovietiche che avanzavano verso occidente: Terracina, che venne liberato assieme ai pochi altri sopravvissuti (tra cui Primo Levi e Sami Modiano, suo amico di due anni più giovane), poté tornare così in Italia, dove ha contribuito a tenere viva la memoria dell'Olocausto.