Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Le hanno avvicinate, minacciate e violentate: due uomini di 36 anni, entrambi di nazionalità italiana, hanno costretto delle prostitute ad avere rapporti sessuali contro la loro volontà. L'episodio è avvenuto nella serata di ieri, in zona Marconi. Tutto è cominciato quando gli agenti della Sesta sezione della Squadra Mobile hanno notato, durante un sopralluogo, un gruppo di ragazze che correvano terrorizzate in viale Marconi, cercando aiuto. Si sono allora avvicinati per capire cosa stesse accadendo: le donne hanno riferito di essere state appena violentate da due uomini, che le hanno minacciate e picchiate per costringerle ad avere rapporti sessuali. Il fatto era avvenuto poco prima, quindi i due si trovavano ancora nelle vicinanze. E, infatti, sono stati rintracciati poco dopo vicino al luogo dell'accaduto. Ma forse gli agenti non erano preparati alla loro reazione.

Picchiano e violentano prostitute a Marconi: arrestati

Quando il personale della Sesta Sezione della Squadra Mobile si è avvicinato, i due uomini li hanno immediatamente aggrediti con calci, pugni e insulti. La colluttazione, seppur violenta, non è durata molto ed è finita poco dopo con il tentativo dei due di darsi alla fuga. Uno è stato subito bloccato e tratto in arresto, mentre l'altro è stato investito da una macchina mentre cercava di scappare attraversando la strada. Ha riportato la rottura di un femore. La violenza sessuale nei confronti delle ragazze è stata confermata da alcuni testimoni che hanno assistito all'accaduto: due delle donne aggredite sono state accompagnate in ospedale per ricevere le cure mediche a causa delle lesioni riportate. Dopodiché hanno sporto denuncia contro i due stupratori, che adesso si trovano in carcere con le accuse di violenza sessuale, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.