Sono stati colti sul fatto mentre con un laccio delle scarpe stavano rubando il denaro lasciato dai fedeli e contenuto nelle cassette della Basilica di San Paolo fuori le Mura. A finire in manette una coppia composta da un uomo di 52 anni e da una ragazza di 24, senza fissa dimora, senza un lavoro e con precedenti penali. I due sono stati accusati di furto aggravato in concorso e dovranno risponderne davanti al giudice lunedì mattina durante il processo per direttissima. A chiamare i carabinieri della stazione Roma San Paolo è stata la Gendarmeria Vaticana: i militari hanno visto i due ingegnarsi con un laccio delle scarpe alla cui estremità avevano attaccato un pezzo di nastro biadesivo, calarlo nella cassetta ed estrarre il denaro lasciato dai fedeli. E così i carabinieri hanno aspettato che uscissero dalla chiesa per fermarli e perquisirli.

Rubavano i soldi delle offerte in chiesa, sequestrato il laccio delle scarpe

Giunti sul posto, i carabinieri della Stazione Roma San Paolo fuori le Mura hanno fermato la coppia, sottoponendola poi a perquisizione: in tasca gli hanno trovato 25 euro e 20 dollari in contanti, per la maggior parte in banconote, appena "pescate" dalla cassetta delle offerte. I soldi sono stati restituiti alla chiesa e consegnati a un responsabile della Basilica, che ha provveduto a rimetterli al proprio posto. La coppia è stata invece portata in caserma dove è stata trattenuta a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Il processo si terrà lunedì mattina e sarà il giudice a decidere se condannarli o meno per furto aggravato. Il laccio bianco di scarpa usato per prendere il denaro è stato sequestrato dai carabinieri.