La botola sotto il sedile e lo stupefacente sequestrato
in foto: La botola sotto il sedile e lo stupefacente sequestrato

Sfrecciava sul Grande Raccordo Anulare ad alta velocità su un'auto utilitaria, attirando così l'attenzione di una pattuglia di carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro, che si sono così messi alle costole del conducente del bolide fermandolo. Il ragazzo al volante della vettura è apparso subito nervoso ai militari che hanno così deciso di approfondire dopo l'identificazione perquisendo l'auto.

Droga sotto il sedile: la botola si apriva elettronicamente

I carabinieri hanno così individuato due doppi fondi nell'auto dove era nascosta un'ingente quantità di stupefacenti. In un vano ricavato nel portabagagli si trovavano due chili e mezzo di marijuana, mentre sotto uno dei sedili anteriori era stato ricavato uno scomparto dove erano occultati 56 chili di hashish diviso in panetti da circa un chilo l'uno avvolti nel cellophane e chiusi sottovuoto. Il nascondiglio sotto il sedile era stato realizzato con un lavoro raffinato e ingegnoso, con tanto di sistema idraulico e apertura elettronica di una botola dove era stipato l'hashish.

Arrestato il conducente, proseguono le indagini

Purtroppo per il 28enne questo non è bastato per ingannare i militari che lo hanno tratto in arresto. Ora le indagini dovranno stabilire se il giovane agisse per proprio conto o se, come più probabile, trasportasse lo stupefacente per conto di una organizzazione più articolata per la quale lavorava come corriere.