"Ieri alla Camera si è scatenata una polemica politica per le critiche del MoVimento 5 Stelle rivolte al modello della sanità in Lombardia, da sempre noto per il forte ruolo del privato nell'ambito della gestione della sanità pubblica. Questo vale per la Lombardia, dove governa la Lega e dove per anni ha governato il centro destra, ma, come già ho detto più volte anche qui, vale anche nel Lazio governato dal Pd dove attualmente ben il 51% dei posti letto è in mano ai privati". Lo ha dichiarato Roberta Lombardi, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, in riferimento alle parole pronunciate ieri alla Camera dal deputato Riccardo Ricciardi. In un'intervista rilasciata a Fanpage.it, Lombardi aveva già dichiarato che "dopo l’esperienza dell’epidemia di coronavirus, è il momento di cambiare completamente la strategia facendo tutto il contrario di quello che si è fatto finora, partendo da servizi territoriali e di prossimità". E che il sistema sanitario del Lazio è troppo simile a quello lombardo.

"Responsabile è il partito della sanità privata"

Secondo quanto dichiarato da Lombardi, "il Lazio è stato semplicemente più fortunato nel non subire lo stesso impatto dell’emergenza coronavirus subito dalla Lombardia e da altre regioni". "Proprio perché ci troviamo in una situazione emergenziale, dobbiamo però anche essere capaci di onestà intellettuale e avere il coraggio di riconoscere e dire che la privatizzazione spinta dei servizi pubblici in generale, e in particolare la gestione aziendalistica della sanità pubblica tale da creare un vero e proprio mercato, ha fallito. Ha fallito in Lombardia, così come ha fallito nel Lazio e in altre regioni. Poco importa se governate dal centro destra o dal centro sinistra". E conclude: "Il vero responsabile è l’unico, grande e trasversale ‘Partito della Sanità privata'.