Preso grazie a un'impronta digitale. L'uomo aveva messo a segno diversi colpi in uffici postali e in banche del quadrante Est della Capitale, alcune in un solo giorno. I carabinieri della Compagnia Roma Casilina lo hanno arrestato, considerandolo l'autore di 4 rapine svolte tra i mesi di febbraio e marzo dell'anno scorso. A supportare le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica sono state anche le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza, passate al vaglio delle forze dell'ordine. Il responsabile è un 33enne romano pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari proprio in virtù dei suoi pregressi con la giustizia. I militari gli hanno notificato un’altra ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Rapinava poste e banche

L’uomo, un ladro scatenato, nelle sue scorribande solitarie, a volto coperto, era riuscito a rubare ricchi bottini. Tra i suoi  nei suoi obiettivi, c'erano banche e uffici postali, e durante le sue "missioni" era riuscito anche a mettere a segno più colpi in un solo giorno, minacciando i dipendenti con pistole o taglierini. Ad incastrarlo è stato un lavoro incrociato di elementi che ha permesso il riconoscimento dell'autore del gesto e di risalire alla sua identità: i filmati sono stati analizzati in maniera molto accurata e uniti a un'impronta digitale che è stata trovata durante il sopralluogo in un posto dove era passato.