Virginia Raggi
in foto: Virginia Raggi

Due novità sulla raccolta dei rifiuti a Roma: in primo luogo multe severe per i ‘pendolari dei rifiuti', cioè coloro che portano i loro rifiuti nella Capitale pur essendo residenti in provincia. In secondo luogo i cittadini dovranno gettare la loro immondizia all'interno di sacchi trasparenti per consentire di individuare eventuali ‘furbetti'. Queste le misure contenute in un'ordinanza firmata dalla sindaca Virginia Raggi, che ha annunciato su Facebook: "C'è chi abita nei Comuni vicino a Roma e porta i suoi Rifiuti nella nostra città. E' ora di dire basta. Vogliamo mettere la parola fine al cosiddetto ‘pendolarismo' dei rifiuti. Ho firmato un'ordinanza per far multare dagli agenti della Polizia locale di Roma Capitale i ‘turisti dei rifiuti': degli zozzoni che, pur essendo residenti fuori città, gettano la spazzatura nei cassonetti delle strade di Roma. Per evitare che qualche furbetto conferisca in modo errato abbiamo anche deciso di inserire l'obbligo di utilizzo di sacchetti trasparenti. Per tutti, cittadini privati e commercianti. Rispettare le regole significa rispettare la nostra città e inoltre aiuta gli operatori Ama nel loro lavoro".

Il Partito democratico sottolinea che la sindaca è anche presidente della Città metropolitana, erede delle province, quindi "dà degli zozzoni agli abitanti della medesima provincia. Complimenti, ha finalmente trovato i responsabili dello schifo in cui la sua amministrazione ha ridotto la Capitale. Il reato, secondo la sindaca della città metropolitana, sarebbe gettare alcuni sacchetti di immondizia nei cassonetti di Roma. Singolare denuncia, con offesa incorporata, da parte della sindaca che detiene il record mondiale di export di Rifiuti nelle province del Lazio e nel resto del pianeta", ha dichiarato Bruno Astorre, segretario del Pd del Lazio.