3.289 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Professoressa licenziata da scuola: “Nessuna ragione valida, forse perché sono trans?”

Una professoressa di Roma ha denunciato di essere stata denunciata dalla scuola paritaria dove aveva iniziato a insegnare da due settimane con motivazioni false e poco chiare. Secondo la sua versione, i motivi sarebbero altri: ossia quello di aver preso tre giorni di malattia per una febbre e l’essere una donna transessuale.
A cura di Natascia Grbic
3.289 CONDIVISIONI
Immagine

Un duro sfogo su Facebook che in poche ore ha raggiunto centinaia di like e commenti. Una vicenda che, se fosse confermata, sarebbe la testimonianza di una discriminazione. Una professoressa di Roma, Giovanna Cristina Vivinetto, è stata licenziata dopo appena due settimane di servizio dalla scuola privata in cui aveva iniziato a lavorare dall'inizio dell'anno. Giovanna era stata assunta direttamente con un contratto a progetto che iniziava il 23 settembre e scadeva l'8 giugno, "con possibilità di risoluzione anticipata dando un preavviso di quindici giorni". Secondo quanto riportato dall'insegnante, le motivazioni del licenziamento sarebbero state poco chiare e contraddittorie. Anzi, si sarebbero configurate come una vera e propria scusa. I veri motivi, infatti, sarebbero altri. Ossia l'aver preso tre giorni di malattia per una febbre batterica la scorsa settimana e il fatto di essere una donna transessuale. "Credo in sostanza che le motivazioni di questo gesto, ai miei occhi imprevisto, ingiustificato e imprevedibile, risiedano altrove, ma non voglio indagare questo altrove. Probabilmente a loro è pesata la mia assenza per malattia, dal momento che una scuola privata spesso sfrutta e non guarda in faccia nessuno (ieri mattina c'era già la nuova docente a sostituirmi). Probabilmente c'entra il fatto che io sia una donna transessuale, e questo sarebbe già molto più triste e ingiusto. E non voglio pensarci". Raggiunta telefonicamente da Fanpage.it, Giovanna ha spiegato che molto probabilmente qualche genitore ha saputo che tra i docenti c'era una donna transessuale e si è andato a lamentare. "Questa cosa mi fa sorridere anche perché per la legge sono una donna".

Il licenziamento di Giovanna, professoressa transessuale allontanata da scuola

Giovanna Cristina Vivinetto è stata assunta all'inizio di settembre da una scuola paritaria di Roma ed è stata licenziata ieri in tronco "con motivazioni confuse, nebulose e, in sostanza, poco credibili". Il licenziamento è avvenuto subito dopo la fine della malattia quando, una volta giunta a scuola, è stata chiamata nell'ufficio della preside. Che avrebbe riferito di alcune lamentele da parte dei ragazzi. "In classe mi hanno sempre riferito tutt'altro, giudizi entusiastici del tipo: "Prof., che bello rivederla oggi! È proprio un piacere" o "È la nostra docente preferita perché riesce a spiegare bene risultando molto simpatica", oppure, a fine lezione, "Che belle le sue spiegazioni!". Ma quando ho fatto presenti queste impressioni, mi è stato detto: "Giovanna, i ragazzi sono infami, ti dicono una cosa e poi a noi vengono a dirne un'altra: non devi mai credergli". Eppure in due settimane i ragazzi venivano da me per confidarmi i loro problemi, gli eventi di ‘bullismo' dentro la scuola, i loro desideri e aspirazioni. Volevano leggere le mie poesie, scriverne di loro pugno. Uno di loro è venuto a portarmi il suo prezioso quaderno con tutte le sue poesie scritte a mano. Un altro ha preso coraggio e ha letto in classe una sua poesia "che aveva vinto un concorso".

"Mi hanno detto di non rimettere piede a scuola"

Sono molte le persone che in queste ore stanno scrivendo commenti di solidarietà a Giovanna. Tra loro c'è chi ipotizza che il licenziamento sia stato deciso proprio per la sua transessualità, e che molto probabilmente sia avvenuto a causa delle lamentele di alcuni genitori. Anche perché, precisa Giovanna nei commenti al post, "nessun docente è mai stato mandato via, e l'unica allontanata è quella transessuale". Giovanna ha spiegato che inizialmente non sapeva se raccontare o meno la vicenda. "Non volevo si pensasse che stavo sfruttando la mia transessualità – ha dichiarato – Ieri ero addirittura convinta di essere io il problema in quanto docente, ma poi ho visto che molte cose non mi tornavano. E soprattutto che in due settimane non si può capire quanto vale un'insegnante". Nonostante il preavviso sia stato fatto partire da ieri, le hanno detto di "non rimettere più piede a scuola". Le pagheranno comunque i giorni ma non vogliono più vederla nei corridoi.

3.289 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views